Contenuto sponsorizzato

Dopo le politiche Azione guarda alle provinciali: ''Terzo partito in molti territori, ripartiamo da qui''. E il Patt? ''Porte aperte ma il tempo inizia a stringere''

Dopo il voto nazionale, i partiti iniziano a proiettarsi verso le elezioni provinciali del prossimo anno. Mario Raffaelli: "La Lega in Trentino non si è discostata più di tanto dal risultato nazionale: un segnale significativo perché evidentemente la presidenza di Fugatti non è così solida e percepita sul territorio. E poi bisogna capire i rapporti tra Fratelli d'Italia e il carroccio"

Di Luca Andreazza - 27 settembre 2022 - 20:45

TRENTO. "C'è comunque soddisfazione per il risultato e si riparte da una buona base". Queste le parole di Mario Raffaelliresponsabile politico provinciale e nella segretaria nazionale con responsabilità sugli enti locali e sulla politica estera di Azione. "A livello nazionale ci si attesta all'8% e vicini a Forza Italia e Lega. Un dato significativo è quello che nelle zone produttive del Nord abbiamo raggiunto numeri tra il 10% e il 15%. Siamo invece deboli nel Centro-Sud: c'è una profonda frattura sociale in Italia. Il Movimento 5 stelle depurato dal reddito di cittadinanza si attesta al 5%. A Napoli hanno conquistato 11 su 11 collegi e lì ci sono 400 mila beneficiari di quella misura. A ogni modo il nostro risultato e soddisfacente e queste politiche sono l'avvio di un progetto e si lavora alle Europee del 2024".

 

Il centrodestra ha vinto le elezioni trainato da Fratelli d'Italia e ora si tracciano anche i primi bilanci. Molto apprezzato da Calenda e definito un importantissimo tassello di Azione in diretta su La7 nel tg diretto da Mentana, il trentino non è però riuscito a entrare in parlamento, candidato come secondo di lista nel proporzionale nel collegio del Lazio.

 

"Il partito - dice Raffaelli - mi ha chiesto disponibilità e la mia è stata una candidatura di servizio. Abbiamo ottenuto un buonissimo risultato nel collegio ma non abbastanza per poter eleggere due deputati. Sono comunque soddisfatto e molto contento di poter svolgere un ruolo più importante all'interno di Azione per sviluppare e definire il prossimo futuro.

 

E ora si inizia a ragionare nella costruzione di una coalizione per le provinciali in Trentino. "Siamo stati protagonisti e in moltissimi territori, compreso a Trento, siamo il terzo partito. Siamo soddisfatti - aggiunge Raffaelli  - per aver contribuito alla vittoria di Pietro Patton e abbiamo sfiorato anche l'elezione di Donatella Conzatti. Nonostante la pubblicazione dei messaggi di Sara Ferrari contro l'alleanza con Azione, c'erano i presupposti e le potenzialità per vincere direttamente un altro seggio, se ci fosse stata la possibilità tecnica e le regole avessero consentito stringere accordi simili al Senato anche per la Camera. A ogni modo si riparte da questi risultati per definire il programma".

 

Pur nella sconfitta generale, l'anomalia trentina ha portato i suoi risultati. "L'andamento in Trentino è stato significativo e ha destato un interesse a Roma. Ma non è solo una questione di originalità legata all'autonomia - prosegue Raffaelli - c'è anche una storia, una coesione e una tradizione che parte da lontano. Il referendum Renzi ha spaccato i partiti mentre qui si è lavorato insieme. Inoltre l'ala più di sinistra sul territorio non è, per esempio, così radicale come quella nazionale e c'è una posizione comune sulle istituzioni. Ci sono tutti gli ingredienti per difendere e per far evolvere la coalizione". 

 

E resta da capire quale direzione è intenzionato a prendere il Patt. Dopo la corsa con Progetto trentino alle Politiche, le stelle alpine dovranno, prima o poi, esprimersi sull'adesione al centrosinistra oppure al centrodestra con in quest'ultimo caso che si registrano alcune fibrillazioni tra alleati (Qui articolo).

 

"Nel centrodestra qualcosa è successo. La Lega in Trentino non si è discostata più di tanto dal risultato nazionale - evidenzia Raffaelli - si tratta di un segnale significativo perché evidentemente la presidenza di Fugatti non è così solida e percepita sul territorio. E poi bisogna capire i rapporti tra Fratelli d'Italia e il carroccio con le forze in campo che sembrano cambiate. Il partito di Giorgia Meloni avrà un peso importante e oggi c'è questo aspetto che è in maggioranza e non in Giunta provinciale".

 

Insomma, si aspettano le Stelle alpine. Una scelta in ottica provinciale che riguarda una scelta di campo tra valori diversi. Ma fino a quando si può attendere il Patt? "Rispettiamo le riflessioni delle altre forze politiche e le porte sono aperte. Poi certo i tempi sono sempre più stretti e gli autonomisti rischiano di mettersi da soli spalle al muro nella decisione da prendere. E' comunque evidente un cambiamento nel centrodestra da tenere in considerazione", conclude Raffaelli.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 18:31
Il giovane ha riportato un violento trauma ed è stato necessario recuperarlo con l'elicottero per portarlo in emergenza all'ospedale di Trento
Cronaca
03 dicembre - 18:47
Il Comitato Una Chance per Chico ha fatto il punto sulle iniziative che verranno messe in campo nelle prossime settimane e nei prossimi [...]
Politica
03 dicembre - 18:59
Il presidente di coordinamento delle sezioni riunite della Corte dei conti Enrico Flaccadoro ha espresso diversi dubbi in audizione in Parlamento [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato