Contenuto sponsorizzato

Hotel Racines: le attività da fare, anche nei dintorni

Val Giovo, Val Racines e Val Ridanna, sono le tre valli che si trovano all’interno del comune di Racines in Alto Adige. Qui sorge, tra gli altri hotel, si trova il Gassenhof, struttura in grado di offrire esperienze emozionanti e momenti di relax per tutta la famiglia

Pubblicato il - 12 agosto 2022 - 16:34

RACINES. Sito nel comune dell’Alta Val d’Isarco, l’hotel a Racines in Val Ridanna è meta ideale per un soggiorno in famiglia da godersi sia un estate che durante il periodo più freddo, tra l’altro molto apprezzato e vissuto dagli amanti degli sport invernali.

 

Val Giovo, Val Racines e Val Ridanna, sono le tre valli che si trovano all’interno del comune di Racines in Alto Adige. Qui sorge, tra gli altri hotel, si trova il Gassenhof, struttura in grado di offrire esperienze emozionanti e momenti di relax per tutta la famiglia.

 

Una famiglia che ha il desiderio di lasciarsi alle spalle la monotonia e lo stress della vita di città, per fare spazio ad attività ed esperienze vivaci, uniche e, soprattutto, da ricordare.

 

Hotel Racines: estate in movimento. Coniugare il bello della scoperta alla voglia di movimento, all’insegna dell’adrenalina. Il parapendio è tra le attività da praticare in estate in Alto Adige. Quale miglior modo per godersi dall’alto il panorama alpino della Val Ridanna? Il massimo per chi non vuole farsi mancare nulla e ama catturare appieno le bellezze naturalistiche di una valle straordinaria.

 

A offrire questo servizio, il circolo parapendio “Jochropp’n” di Ridanna che propone voli in parapendio biposto, l’ideale per chi vuole vivere un’estate in Alto Adige ricca di adrenalina ed emozioni. Si vola, accompagnati da un insegnante di volo professionista ed esperto, sopra la Catena principale alpina della Val Ridanna. Due i punti di partenza per spiccare il volo: la malga Gewingesalm a Ridanna e Monte Cavallo, che si estende sopra Vipiteno.

 

Dal parapendio al rafting, esperienze indimenticabili. Le esperienze sportive a contatto con la natura sono tra le più apprezzate da coloro che amano attività adrenaliniche ed emozionanti. Questo e molto altro è ciò che può offrire una vacanza d’estate nelle valli dell’Alto Adige. Disponibile da inizio di aprile ai primi giorni di ottobre, anche il rafting si conferma un’esperienza tra le più richieste dai turisti. Uno sport acquatico che si svolge nella zona compresa tra Vipiteno e Fortezza, in Valle Isarco. Tra le strutture locali in grado di offrire questo servizio, il Rafting Club Tiger di Vipiteno è senza dubbio tra le più consigliate, grazie a un team di esperti accompagnatori, che hanno già sperimentato le acque dei fiumi più ardui del mondo: Stati Uniti, in Cile, Corea del Sud e Sudafrica. Non serve esperienza, solo un po’ di coraggio: al resto ci penseranno le guide istruite ed esperte che organizzeranno i tour di rafting, all’insegna della totale sicurezza, del divertimento e dell’adrenalina.

 

Cosa vedere: tour in miniera per tutta la famiglia. Dall’aria, all’acqua, per finire in miniera. Qui non c’è bisogno di coraggio, ma di molta curiosità! Il Mondo delle Miniere è tra le “cose da vedere” più belle della Val Ridanna, nonché un must per chi sceglie una vacanza d’estate in Alto Adige. La storia di questa miniera, considerata tra le più alte in Europa, risale a molti anni fa, quando veniva praticata l’estrazione di minerali come argento, piombo e zinco. Dopo la sua chiusura, che avvenne nel 1985, oggi si presenta come museo. A disposizione dei suoi visitatori, un vero e proprio patrimonio culturale che comprende una panoramica su tutta l’attività estrattiva che si svolgeva in questo sito.

 

Il Mondo delle Miniere comprende alcuni edifici rimasti parzialmente intatti, un percorso didattico e il museo delle miniere. Attraverso la visita guidata in miniera, ogni visitatore è in grado di calarsi mentalmente nei panni dei minatori dell’epoca e riviverne le condizioni di lavoro, difficili e proibitive, come testimonia la documentazione in loco.

La visita prosegue con un tour di 3,5 km nel tunnel della miniera, con un trenino che raggiungerà il deposito minerario, punto dal quale si scopriranno a piedi pozzi, corsi d’acqua e passaggi stretti. Martello e piccone, infine, per provare a calarsi nei panni di un minatore. Un’esperienza, per chi c’è stato, che merita una visita e che senza dubbio lascerà uno tra i ricordi da conservare più belli di una vacanza d’estate in Alto Adige.

 

Consigliata per famiglie, munite di giacca, non allergiche a muffe e claustrofobiche.Per tutto il resto è tra le esperienze più ricche, uniche e straordinarie che si possano fare in Alto Adige.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Società
30 marzo - 06:01
Per la legge il figlio di questa coppia fa parte di quella categoria "invisibile" per cui non sono riconosciuti determinati diritti, per [...]
Cronaca
29 marzo - 19:29
Nelle scorse settimane il comune di Giustino ha venduto tre particelle di terreno in cima al Doss del Sabion alla società Funivie di Pinzolo: il [...]
Cronaca
29 marzo - 19:25
L'amministrazione comunale di Brentonico ha comunicato che “la raccolta ingombranti presso il Crm di Castione è sospesa fino a data da [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato