Contenuto sponsorizzato
02/12/2022 - 15:12

IL VIDEO. Mobilità sostenibile: al Campus Bio-Medico il futuro e l'ambiente

Roma, 2 dic. (askanews) - Al Campus Bio-Medico di Roma si è tenuto l'evento "Mobility Alliance. Insieme per il futuro della mobilità", che ha voluto alimentare una riflessione sulla mobilità innovativa e sulla sicurezza stradale, partendo dalle nuove tecnologie disponibili e dai modelli comportamentali della green economy orientati alla sostenibilità integrale. L'incontro a cui hanno preso parte importanti player dell'automotive quali Mercedes-Benz e DEKRA Italia, è stato l'occasione per discutere delle iniziative concrete che il Campus Bio-Medico ha generato sul territorio di Roma, a partire dal servizio di car sharing con stalli dedicati e dall'implementazione di colonnine per la ricarica elettrica nelle aree di parcheggio del campus universitario."Evidentemente un progetto di questo tipo, visto che parlavamo di mobilità - ha detto Carlo Tosti, Presidente Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico - non può prescindere dalla realizzazione di infrastrutture che possano permettere un movimento di persone - pazienti, studenti, parenti - coerente con le infrastrutture di trasporto attualmente esistenti".Molto importante anche il nuovo edificio della didattica CUBO, "CUltural BOx", che si inserisce nel progetto del Social Green Masterplan ed è il primo intervento di un ampio Piano di Sviluppo "PiùCampus" al 2045 che comprende iniziative ambientali, assistenziali, didattiche e sociali."Il Cubo per noi - ha spiegato Domenico Mastrolitto, Direttore Generale Campus Bio-Medico SpA - è un incubatore di innovazione, di competenze al servizio dello studente, al servizio della persona, al servizio del malato. E tutto questo ci rende felici perché prosegue il sogno del Campus, iniziato 30 anni fa attraverso una rigenerazione urbana trainata da un grande progetto culturale che mette al centro la persona e l'uomo".Il Campus Bio-Medico, terzo Ateneo in Italia per numero di studentesse iscritte nelle facoltà scientifiche Stem, impiega più di 2mila dipendenti tra Policlinico e Università e forma 3mila studenti con le facoltà di medicina e chirurgia, ingegneria, scienze e tecnologie per l'uomo e l'ambiente."Le tecnologie potranno fare la differenza. Già oggi - ha concluso Tosti - noi che siamo alla guida dei nostri veicoli vediamo come le tecnologie ci riescono a dare mille informazioni, ad anticipare, a prevedere, a darci delle direttive di percorso diverse. Sarà fondamentale anche da questo punto di vista che i progetti che i progetti che caratterizzeranno quest'area siano coerenti e possano usare tutte le moderne tecnologie di cui disponiamo".Inoltre, al Campus Bio-Medico un ruolo molto importante è stato dato alla tutela della biodiversità nel territorio con il nuovo bosco urbano, nel quale sono state piantate complessivamente 3.680 piante di differenti specie, che consentiranno di assorbire fino a 315 tonnellate di CO2 in 20 anni e fino a 1.922 Kg di PM10 all'anno.

Contenuto sponsorizzato
Cronaca
Archivio video
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
30 gennaio - 21:41
La Lega, Forza Italia, Associazione Fassa, La Civica, Autonomisti Popolari e Progetto Trentino da una parte, dall'altra parte c'è il partito di [...]
Montagna
30 gennaio - 20:20
Tempi di bilanci in Valsugana, il direttore dell'Azienda per il turismo d'ambito: "Importante rilancio sui Mercatini di Natale di Pergine [...]
Montagna
30 gennaio - 19:42
Diventa sempre più frequente che molti clienti "pretendano" in quota lo stesso trattamento di un ristorante a valle, "senza rendersi conto delle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato