Contenuto sponsorizzato

Dalle Hawaii al Trentino, dopo 25 anni la finale del circuito di cross triathlon approda a Molveno

Dopo venticinque anni la finale del circuito di cross triathlon più famoso cambia casa e da Maui approda sulle rive del lago di Molveno. Un week end di appuntamenti per tutti e uno spettacolo sportivo ad alto tasso di adrenalina nella cornice delle Dolomiti di Brenta

Pubblicato il - 21 settembre 2022 - 12:59

MOLVENOLe acque del lago di Molveno, per sei anni consecutivi il "Più bello d’Italia" per Touring e Legambiente, le vette delle Dolomiti di Brenta patrimonio Unesco, e tutto intorno i boschi verdeggianti e i percorsi di trail e mountain bike che svelano scorci ideali per gli amanti degli sport off-road: un mix di ingredienti che ha conquistato gli organizzatori di X-Terra Planet al punto di convincerli a spostare la finale del circuito di cross triathlon, dopo venticinque anni di permanenza sulle sponde hawaiane di Maui, e portarla proprio in Trentino.

 

Quello che prenderà il via il prossimo 29 settembre a Molveno e si chiuderà il 2 ottobre sarà un lunghissimo weekend di sport e spettacolo, un vero e proprio show. Un’occasione per tutti - atleti, accompagnatori e appassionati - di scoprire i luoghi e i paesaggi di una delle top destination del Trentino.

 

XTerra è il circuito di cross triathlon più duro al mondo. Ogni gara è avventura ed esplorazione: a nuoto nelle acque dei laghi, sfidando le correnti degli oceani, in velocità tra le strade delle città o i vicoli dei borghi, “scalando” i pendii più difficili, in bici o correndo. Da Ameland Island a Zittau gli atleti più intrepidi possono cimentarsi nelle gare più estreme, sui percorsi remoti, difficili ma affascinanti in alcuni dei luoghi più spettacolari del pianeta.  E' oggi un brand mondiale, uno stile di vita, una mentalità identificata dal motto “Live More”, una comunità riunita all’insegna dell’eco-friendly, che sfida la natura rispettandola.

 

Il lago di Molveno e le vette che lo circondano regaleranno ai quasi 800 atleti, i più forti del mondo, un palcoscenico nuovo, fatto di scorci unici. Da qualche anno l’altopiano della Paganella si è candidato come una delle destinazioni preferite di ogni appassionato di avventure outdoor e di ogni atleta off road. Grazie al lago ma anche ai percorsi di trail running e mountain bike che si estendono su tutta l’area, è la location perfetta per il cross triathlon, che qui incontra un ambiente naturale montano incontaminato.

 

Natura e sport sono gli ingredienti di questa che è una delle mete turistiche preferite dagli appassionati di avventura e adrenalina. All’interno di questa area ci sono quattrocento chilometri di percorsi bike, innumerevoli sentieri per gli amanti del trekking, 40 parchi giochi, fattorie didattiche e sentieri tematici tra ampi prati e boschi, 50 chilometri di piste da sci ampie e soleggiate, 1.500 specie di piante, 125 strutture ricettive, 22 rifugi, oltre 40 cantine ed aziende agricole e ben 8.000 camosci che vivono nel Parco Naturale Adamello Brenta.

 

Cuore della competizione internazionale sarà il lago di Molveno a 850 metri d’altitudine incorniciato dalle Dolomiti di Brenta, immerso nell’area protetta del Parco Naturale Adamello Brenta. Trekking e trail run sono le attività preferite dagli sportivi che scelgono Molveno e Andalo per le vacanze attive. I percorsi di corsa e quelli di mountain bike portano alla scoperta dei paesaggi tra i due piccoli centri, incorniciati tra le guglie delle Dolomiti e le abetaie della Cima Paganella, dove ogni anno sono tantissimi gli sportivi, professionisti e non, che si allenano tra boschi e distese d’erba. Da Molveno parte uno degli itinerari di trail running più spettacolari al mondo, il Dolomiti di Brenta Trail (43,6 chilometri), all’interno del circuito XTerra Trail Marathon Serie, in programma il 10 settembre.

 

L'Azienda per il turismo Dolomiti Paganella è la prima in Italia e una delle prime in Europa a essere diventata una società benefit per promuovere non solo le ricchezze e le bellezze del territorio, ma anche un nuovo modello di turismo all'insegna della sostenibilità e dell'attenzione verso la comunità residenti e la tappa di XTerra si inserisce in questa filosofia con il suo approccio improntato alla sostenibilità in tutti gli aspetti, dall’organizzazione logistica allo sviluppo dei tracciati di gara.

 

Il programma. Sabato 1 ottobre in programma la competizione più attesa, la finale mondiale che consiste in una nuotata di 1,5 chilometri (2x750 metri), due giri in bicicletta da 16 chilometri ciascuno, per un totale di 1.100 metri di dislivello positivo, e 10 chilometri totali di corsa (2x5 chilometri). Novità di quest’anno sarà l’introduzione della short track, che prenderà il via domenica 2 ottobre, una gara corta ma ad alto tasso di adrenalina, nuova tra le categorie XTERRA, che ha visto in questo primo anno ben 4 tappe tutte in Europa: uno sprint a tutto campo che prevede 400 m a nuoto, 8 chilometri in bici e 3 di corsa. Spazio anche ai più piccoli con l’XTerra Kids, un mini duathlon (corsa/bici/corsa) riservato ai giovanissimi atleti dai 6 ai 16 anni.

 

Ma il weekend di eventi inizierà giovedì 29 settembre con l’apertura del XTerra Village sulla spiaggia di Molveno, centro nevralgico della manifestazione che ospiterà momenti di divertimento e gli stand dove poter acquistare tutti i prodotti del brand, abbigliamento sportivo e merchandising ufficiale dell’evento. Alle 19:30 ad Andalo la Cerimonia di Apertura con la sfilata dei campioni partecipanti. Ogni pomeriggio, da giovedì a domenica, il Villaggio si animerà con musica e stand enogastronomici, in attesa delle competizioni e dell’atteso After Race Party in programma al Palacongressi di Andalo sabato sera.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 28 settembre 2022
Telegiornale
28 Sep 2022 - ore 21:31
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
29 settembre - 13:49
Dopo aver detto di voler far diventare Rovereto la Merano del Trentino e aver sbagliato il nome di Terragnolo, la senatrice Biancofiore ha colpito [...]
Società
29 settembre - 13:04
Il presidente della Società italiana d'igiene Antonio Ferro: "Questa sarebbe stata una richiesta forte della Società italiana [...]
Cronaca
29 settembre - 12:45
I referendum hanno riguardato le repubbliche autoproclamate di Luhansk e Donetsk (che la Russia già considera indipendenti) e le zone occupate di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato