Contenuto sponsorizzato

A Trento apre il primo fast food vegano, dai panini gialli e rosa all'atmosfera anni '70, ecco "Flower burger": una proposta 'green' e interamente vegana

Un'ampia offerta quella proposta da "Flower burger", che qualche giorno fa è approdato anche in via Verdi a Trento con panini colorati, saporiti ma soprattutto vegani

Di Sara De Pascale - 27 settembre 2022 - 15:54

TRENTO. Quando nel 2015 Matteo Toto apriva a Milano la sua prima 'veganburgheria', probabilmente, mai si sarebbe aspettato un successo tale da raggiungere non soltanto altre 24 città italiane ma di approdare inoltre all'estero. Fra i vari punti aperti da "Flower burger", oggi appare anche quello di Trento, locale portato in città da Filippo Profumo (gestore), Nicola Pesca, Gabriele Gerosa e Marco Spanghero, inaugurato sabato (24 settembre), attirando innumerevoli affamatissimi (ma soprattutto curiosi) clienti.
 
Una scelta che si amplia, quella proposta sul territorio, che consente oggi di mettere piede in un luogo che davvero guarda all'ambiente: la filosofia abbracciata da "Flower burger" è infatti 'green' e si concretizza in piatti completamente vegani, frutto della lavorazione di ingredienti interamente messi a disposizione da "madre natura". Si parte dal pane dai colori variopinti (come del resto lo è anche il locale di via Verdi, con un 'plus' dato dai connotati indubbiamente 'vintage'), che spazia dal giallo dato dalla curcuma al viola della carota nera, passando per quello rosa ottenuto grazie all'estratto di ciliegia. 
 
Dai germogli di soia al tofu e dai ceci alla quinoa (soltanto per citarne alcuni), gli elementi che caratterizzano tali proposte (vegane) si fondono con colori e sapori in continua evoluzione, per stupire e colpire i clienti attraverso proposte sempre nuove. Questa, la mission dei burger "dei fiori", nome che richiama non soltanto un legame con la Terra ma anche un'atmosfera: quella nella quale ci si ritrova catapultati quando si entra in uno dei locali del marchio. Il 'fast food' di Trento, infatti, come gli oltre 30 presenti nel mondo, si tinge di grafiche variopinte e psichedeliche, rimandando al mondo delle discoteche anni '70

Un'offerta che in città sicuramente mancava, vegetale, rapida e gustosa: una scommessa che i quattro soci trentini si augurano possa avere lo stesso successo riscosso nel giorno dell'inaugurazione, alla quale si sono presentate "centinaia di persone".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
03 dicembre - 18:31
Il giovane ha riportato un violento trauma ed è stato necessario recuperarlo con l'elicottero per portarlo in emergenza all'ospedale di Trento
Cronaca
03 dicembre - 18:47
Il Comitato Una Chance per Chico ha fatto il punto sulle iniziative che verranno messe in campo nelle prossime settimane e nei prossimi [...]
Politica
03 dicembre - 18:59
Il presidente di coordinamento delle sezioni riunite della Corte dei conti Enrico Flaccadoro ha espresso diversi dubbi in audizione in Parlamento [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato