Contenuto sponsorizzato

"Itea? Basta discriminazione, il problema è l'assenza di alloggi". L'accusa dei sindacati: "Già il 90% della case popolari è assegnata a cittadini italiani. No a differenze ingiuste"

Faggioni per Cgil del Trentino: "Nel 2020 il 91% degli alloggi Itea erano assegnati a cittadini italiani, il 3% a cittadini comunitari e il 6% a cittadini extracomunitari. Incapacità dei vertici di gestire efficacemente la società e l’assenza totale di ogni politica abitativa, al di là della propaganda"

Di F.C. - 22 settembre 2022 - 19:53

TRENTO. "Già il 90% della case popolari è assegnata a cittadini italiani. Si lavori sull’efficienza e sulla realizzazione di nuove abitazioni pubbliche, invece che fare discriminazione. Il problema è l'assenza di alloggi". A parlare sulla questione degli alloggi Itea è Manuela Faggioni che per Cgil del Trentino segue le politiche abitative.
 

"Nel 2020 il 91% degli alloggi Itea erano assegnati a cittadini italiani, il 3% a cittadini comunitari e il 6% a cittadini extracomunitari - dichiara Faggioni - ed era così anche negli anni precedenti. Tutto questo, dunque, prima delle modifiche al regolamento e prima della legge sui 10 anni di residenza, voluta dalla giunta Fugatti e poi bocciata dalla Corte. Invece di fare inutile propaganda, dunque, l’assessora Segnana e la presidente Gerosa si occupino veramente dei cittadini e delle cittadine che hanno bisogno di un alloggio popolare. Qui il problema non è chi accede alle case Itea, ma accedervi come dimostrano i più di mille alloggi sfitti".

 

La grande difficoltà sembrerebbe quindi riuscire ad accedervi, riporta Faggioni: "Il vero scandalo è la difficoltà di entrare in una casa Itea, i tempi eterni di ristrutturazione degli alloggi e le lunghe attese nelle graduatorie. Tutte questioni aperte e che manifestano l’incapacità dei vertici di gestire efficacemente la società e l’assenza totale di ogni politica abitativa, al di là della propaganda. Dunque invece di alimentare un clima di esclusione e discriminazione, invece che fare differenze ingiuste tra chi versa in condizioni di bisogno, invece di creare rancori tra poveri e superpoveri, si pensi ad agire, a superare le inefficienze, a costruire soluzioni ai problemi".

 

I sindacati Cgil, Cisl Uil lamentano di chiedere da anni un confronto su questi temi e come invece "costantemente veniamo ignorati. Finalmente la prossima settimana è in calendario un incontro e metteremo sul tavolo le nostre priorità".

 

A essere bloccati, riportano i sindacati, non sono solo gli alloggi sociali, "ma anche quelli a canone moderato", quelli che dovrebbero essere destinati alle giovani coppie e alle famiglie del ceto medio. "La Giunta non finanzia il fondo di housing sociale - conclude Faggioni - mantenendo una situazione di grave immobilismo di cui pagano il conto i cittadini già messi in grave difficoltà dal caro vita".

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 28 settembre 2022
Telegiornale
28 set 2022 - ore 21:31
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 settembre - 11:14
I carabinieri sono intervenuti in un Comune della bassa Val di Non dove una ragazza, dal balcone di un appartamento, aveva attirato l'attenzione [...]
Ricerca e università
29 settembre - 09:37
Il commento della nuova comandante dell’Iss: “Grazie davvero all'Italia e a tutti gli italiani e le italiane che mi hanno sempre supportato e [...]
Cronaca
29 settembre - 10:24
Dall’inizio della settimana sono stati registrati diversi incidenti con gli ungulati sulle strade trentine, uno al giorno
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato