Contenuto sponsorizzato

Semaforo verde alla costruzione di due nuove teleferiche in Alto Adige: ''Quelle attuali non soddisfano gli standard di sicurezza''. Investimento da 1,7 milioni

Le teleferiche servono per il trasporto di materiali e di viveri ai rifugi. Queste opere permettono di ridurre il ricorso all'elicottero. I tracciati sono di 2,6 chilometri per raggiungere il rifugio Plan e di 3,3 chilometri per arrivare al Petrarca all'Altissima

Pubblicato il - 06 agosto 2022 - 20:49

MOSO IN PASSIRIA. Via libera a due nuove teleferiche in Alto Adige a servizio dei rifugi Plan e Petrarca all'Altissima, entrambi sul territorio di Moso in Passiria. 

 

Le opere saranno adibite a trasporto di materiali e di viveri, in sostituzione degli impianti esistenti, che non soddisfano più gli standard di sicurezza. La funzione della teleferica, viene spiegato dalla Provincia di Bolzano, è di supporto a chi lavora ad alta quota ed ai gestori dei rifugi e permette di ridurre il ricorso all’elicottero, risparmiando in questo modo le spese e offrendo un servizio sostenibile. 

 

Con un investimento complessivo di circa 1,7 milioni di euro tra lavori, espropri e servitù, spese tecniche e Iva, le teleferiche che verranno realizzate sono del tipo monofune, con un collegamento diretto "vai e vieni" e ciascuna teleferica sarà in grado di trasportare un carico di almeno 400 chili.

 

Per il rifugio Plan il tracciato della teleferica di 2,6 chilometri parte all'altezza del paese, la stazione a monte si trova a quota 2.983 metri e il dislivello è pari a 1.350 metri.  La stazione a monte del rifugio Petrarca si colloca a 2.877 metri, mentre la stazione a valle è situata a Malga Lazins. Il dislivello è di 1.042 metri, il tracciato 3,3 chilometri.

 

Il rifugio Petrarca all’Altissima, in particolare, è posizionato tra le valli di Plan e di Fosse all’interno del Parco naturale Gruppo di Tessa, poco sotto il Passo Gelato, al confine con l’Austria, la struttura ricettiva è tornata in funzione con una veste nuova dopo che nel 2014 era stata distrutta da una valanga.

 

L’edificio costruito nell’arco di due anni, sotto la guida della Ripartizione edilizia e servizio tecnico, si distingue dall’ambiente roccioso circostante grazie al suo design geometrico. Il nuovo Petrarca all’Altissima si sviluppa su cinque piani per un volume di 3.300 metri cubi e una superficie utile di 750 metri quadri. Il rifugio ospita ora 76 persone nei dormitori, oltre a 15 posti letto per il personale.

 

Il rifugio Petrarca, che si raggiunge dall'alta via di Merano da Pfelders e dalla Val di Fosse, costituisce anche la decima tappa dell'alta via Tiroler Höhenweg. Dal 2005 il rifugio è un bene gestito dalla Provincia, in seguito al trasferimento della proprietà di 26 rifugi alpini alla Provincia da parte dello Stato. Ora l'amministrazione provinciale interviene per ricostruire anche la teleferica.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 13 agosto 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
20 agosto - 06:01
Quanto si è visto in questi giorni in Trentino in casa centrosinistra è forse peggio di quanto si è visto a livello nazionale dove almeno i [...]
Politica
19 agosto - 20:21
Nelle ultime ore ha preso quota la candidatura del vicepresidente nel collegio di Rovereto, l'obiettivo è evidentemente quello di drenare dei [...]
Montagna
19 agosto - 19:34
Una coppia di turisti tedeschi era andata a fare un'escursione sul Monte Bestone sopra Limone sul Garda quando ha chiesto l'aiuto dei soccorsi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato