Contenuto sponsorizzato

Marmolada, il gestore di Capanna Ghiacciaio lancia una raccolta fondi: "Per coprire gli investimenti fatti per far vivere il rifugio e persi dopo la tragedia di luglio"

Luca Toldo, gestore della Capanna Ghiacciaio, ha recentemente lanciato una raccolta fondi per coprire "i debiti d'investimento iniziali" e le spese relative alle provviste portate in quota e abbandonate dopo la tragedia avvenuta sulla Marmolada lo scorso 3 luglio

Di Sara De Pascale - 05 ottobre 2022 - 08:39

TRENTO. Soltanto qualche mese fa Luca Toldo assisteva a una tragedia che mai avrebbe pensato di osservare con i propri occhi, uscendo, dopo aver sentito "un assordante boato", dalla porta del rifugio Capanna Ghiacciaio: "Ho prestato soccorso, in prima battuta, alle persone che quel giorno erano sulla Marmolada - ricorda il rifugista - un drammatico avvenimento che ha strappato la vita a 11 persone e che ha comportato la chiusura delle strutture in quota che abitano la Regina delle Dolomiti". 

 

Accanto a Capanna Punta Penia gestita da Carlo Budel, dopo il 3 luglio chiudevano infatti i battenti anche Cima Undici e Capanna Ghiacciaio, alla quale Toldo era approdato in quanto rifugista (nemmeno) da un anno: "Ad oggi, non abbiamo ancora ricevuto notizie dalla Provincia in merito a una possibile riapertura" confessa Luca, speranzoso di poter tornare presto in un luogo divenuto ormai "casa". 

 

"La Regina ha mostrato al mondo intero la sua potenza e allo stesso tempo fragilità - dichiara il gestore di Capanna Ghiacciaio - il suo manto di ghiaccio ha spazzato via le vite di persone che l'avevano amata, impossessandosi di anime e di storie che lì rimarranno per sempre", continua. Una drammatica vicenda che, come ogni fatto del mondo, ha due facce: da un lato stanno infatti coloro i quali se ne vanno, dall'altro invece chi resta che, come Toldo, "è investito del compito di andare avanti".

 

Questo, quanto il rifugista vorrebbe poter fare: "Portare avanti un'attività, un rifugio attualmente vuoto che vorrei potesse tornare a vivere - commenta - è per questo che, soltanto qualche ora fa, ho avviato una raccolta fondi sul sito 'gofundme', per coprire spese come l'affitto della struttura, tutto quel cibo, bevande e prodotti acquistati ma poi persi (e da smaltire) a causa di quanto avvenuto a luglio, nonché per riuscire a pagare il mutuo che grava sulle mie spalle", spiega.

 

"Ho investito tutto ciò che avevo e anche quello che non avevo in quella nuova avventura che avevo iniziato a vivere, una nuova vita, perché gestire un rifugio non è un lavoro, ma una scelta di vita - dichiara con fermezza sulla pagina della raccolta fondi - quattro mura e un tetto per dare rifugio, un pasto caldo sempre pronto per chi la montagna la vuole vivere, due chiacchiere e una risata sempre presenti": questo, ciò che Luca offrirà a chi approderà prossimamente alla Capanna (non appena verrà riaperta).

 

"Ora tocca a me chiedere rifugio - prosegue - nella vostra solidarietà. Avvio quindi una raccolta fondi che mi servirà per chiudere i debiti d'investimento iniziali e per tutte le provviste caricate, le quali dovranno venire smaltite - anticipa - ringrazio fin da ora coloro i quali hanno creduto in me, mi hanno aiutato e mi aiuteranno in questa avventura, sperando di rivederci al più presto lassù, di nuovo sulla mia Regina". 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 novembre - 10:57
Pubblichiamo una lettera di alcuni membri della comunità etiopica in Italia preoccupati dall'appello presentato dai legali dell'assassino di Agitu [...]
Cronaca
28 novembre - 08:41
Il piccolo era stato portato dai genitori all'ospedale di Belluno con la febbre alta. Qui la decisione di trasferirlo a Padova dove però le sue [...]
Società
28 novembre - 10:03
Il presidente dell'Apt Rovereto, Vallagarina e Monte Baldo, Giulio Prosser: "E' stato portato avanti un grande lavoro e si raccolgono i primi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato