Contenuto sponsorizzato

Musei sempre più agenti di sviluppo locale, il direttore del Muse Michele Lanzinger guiderà il Comitato Italiano dell'International Council of Museums

L'impegno come presidente sarà per il mandato 2022 – 2025, tra gli obiettivi l'impegno a sostenere il percorso di affermazione del Sistema Museale Nazionale

Pubblicato il - 06 dicembre 2022 - 18:12

TRENTO. Dare ai musei “Un ruolo sempre più attivo e rilevante all’interno delle loro comunità di riferimento ed operare come agenti di sviluppo locale con l’attenzione alla sostenibilità nella sua declinazione ambientale, socio-culturale, economica”. E' questo uno dei principali obiettivi che si è dato il direttore del Muse - Museo delle Scienze di Trento Michele Lanzinger da pochi giorni diventato anche nuovo presidente del Comitato Nazionale italiano di Icom - International Council of Museums, il principale network mondiale di musei e professionisti museali.

 

Un impegno non di poco conto per Lanzinger. Sarà dedicata attenzione, viene spiegato,  alle relazioni con le amministrazioni e la politica a partire dal favorire l’adozione della recentissima nuova definizione Icom di museo e di fornire la massima disponibilità a sostenere il percorso di affermazione del Sistema Museale Nazionale. Sul fronte museologico si impegnerà a fornire stimoli e materiali per migliorare il management interno prestando attenzione alla rendicontazione in termini di accountability e della sua comunicazione verso gli utenti e gli stakeholder pubblici e privati". 

 

"La candidatura alla Presidenza di ICOM Italia - conclude Lanzinger - è nata dal desiderio di mettere in gioco lo stesso entusiasmo che ha caratterizzato la mia oramai lunga carriera professionale come direttore del Museo delle Scienze di Trento, compresi i dieci anni dedicati alla ideazione, realizzazione e infine direzione del Muse, del quale si celebreranno nel 2023 i primi 10 anni di attività. Da tenere presente, inoltre, la mia vicinanza all’Icom per via dei due doppi cicli di presenza nel Consiglio Direttivo".
 
Particolare attenzione anche alla figura del professionista dei musei promuovendo una dimensione di formazione continua nonché sostenendo iniziative pensate anche per i soci studenti e provvedendo all’attuazione di progetti collaborativi e di scambio di buone pratiche tra gli associati tenendo conto anche alle professionalità operanti nell’ampio contesto dell’azione culturale. 

Michele Lanzinger subentra ad Adele Maresca Compagna, già Responsabile ricerche e pubblicazioni dell’Ufficio studi del MiC, che resta come vicepresidente. Eletti consiglieri: Martina De Luca, Responsabile formazione della Fondazione Scuola dei beni e delle attività culturale, Tiziana Maffei, Direttore della Reggia di Caserta e già presidente di ICOM Italia, Anna Maria Marras, Ricercatrice in Biblioteconomia e archivistica all’Università di Torino, Antonella Pinna, Dirigente Servizio Valorizzazione risorse culturali, Musei, archivi e biblioteche della Regione Umbria, Margherita Sani, già funzionario Settore Patrimonio Culturale Regione Emilia-Romagna, Project Coordinator NEMO Network of European Museum Organisation, Daniela Tisi, dirigente settore Beni e Attività culturali della Regione Marche, Babet Trevisan, Responsabile del Museo e delle Manifestazioni Culturali della Fondazione Querini Stampalia.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
30 gennaio - 21:41
La Lega, Forza Italia, Associazione Fassa, La Civica, Autonomisti Popolari e Progetto Trentino da una parte, dall'altra parte c'è il partito di [...]
Montagna
30 gennaio - 20:20
Tempi di bilanci in Valsugana, il direttore dell'Azienda per il turismo d'ambito: "Importante rilancio sui Mercatini di Natale di Pergine [...]
Montagna
30 gennaio - 19:42
Diventa sempre più frequente che molti clienti "pretendano" in quota lo stesso trattamento di un ristorante a valle, "senza rendersi conto delle [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato