Contenuto sponsorizzato

''Diario di viaggio in Ucraina'', a Chernihiv dove l'avanzata russa per Kyiv è stata bloccata e respinta. Una città che ancora non ha ripreso a vivere

Giovanni Kessler e Daniele Torresan sono arrivati a Chernihiv che sin dal 25 febbraio è stata l'ultimo baluardo della difesa ucraina prima di Kyiv, dove è stata fermata l'avanzata russa: 2.000 soldati ucraini, asserragliati in città, sostenuti dai civili della difesa territoriale, riescono a fermare la colonna dei 30.000 soldati russi, che con carri armati e di mezzi blindati punta dritta sulla capitale. Oggi, finiti i combattimenti, meno della metà degli evacuati è tornata nelle proprie case. Il confine con la Bielorussia e la Russia è sempre solo a pochi chilometri di distanza.

Di Giovanni Kessler e Daniele Torresan - 20 September 2022 - 17:59

CHERNIHIV. Sono passati sette mesi dall'invasione cominciata con una colonna chilometrica di carri armati russi che putavano verso Kyiv (respinti grazie alla strenua resistenza ucraina), sette mesi durante i quali sono morte migliaia di persone, soldati e civili, sono state ritrovate fosse comuni lasciate sul campo dai militari dell'esercito russo in ritirata, ci sono state deportazioni forzate di cittadini ucraini dalle zone occupate verso la Russia e poi violenze e soprusi figli immancabili di ogni guerra.

 

E la pace? Sembra lontana anche se la controffensiva sul campo delle truppe di Zelensky, che ha permesso di riconquistare decine di villaggi e 3.000 chilometri quadrati di territorio e l'azione congiunta di sanzioni e invio delle armi da parte delle nazioni occidentali, stanno mettendo in grande difficoltà gli invasori.

 

In Ucraina sono arrivati l'ex presidente del consiglio provinciale e direttore dell'ufficio europeo anti-frode (Olaf) Giovanni Kessler, presidente dell'associazione EUcraina e l'artista trentino Daniele Torresan, noto anche per le sue trasmissioni radiofoniche e televisive sui canali Rai. Ecco il loro a tenere il ''Diario di un viaggio in Ucraina''

 

Parte 3.

 

Chernihiv è una delle più antiche città dell’Ucraina, è menzionata in documenti storici di 1.200 anni fa. Nel suo periodo d’oro, otto secoli fa, competeva con Kyiv per potenza e ricchezza. Le numerose chiese, tra le più belle dell’Ucraina, testimoniano ancora oggi l’antico splendore. Nell’epoca moderna inizia il declino e nell’Ucraina indipendente Chernihiv non è altro che una città di provincia come tante. Fino al 25 febbraio di quest’anno, quando le truppe russe, entrate dalla vicina Bielorussia, cercano di prendere la città, che si trova sull’autostrada che, in poche decine di chilometri conduce a Kyiv. Passata Chernihiv, non vi è altro centro abitato o elemento naturale ove possa attestarsi una difesa militare.

 

Oltre Chernihiv c’è la strada spalancata per raggiungere la capitale. Ma Chernihiv resiste e protegge così l’antica rivale Kyiv. 2.000 soldati ucraini, asserragliati in città, sostenuti dai civili della difesa territoriale, riescono a fermare la colonna dei 30.000 soldati russi, che con carri armati e di mezzi blindati punta dritta sulla capitale. La città è allora stretta d’assedio e bombardata. Rimane ben presto in gran parte senza energia elettrica e acqua corrente. Più della metà dei suoi 300.000 cittadini fugge sull’unico ponte che a sud la collega ancora all’autostrada per Kyiv e dallo stesso ponte cominciano ad arrivare rinforzi e aiuti per la sopravvivenza degli assediati. I russi bombardano qualunque cosa si muova, la città deve cadere e lasciare il passo per Kyiv. Il 25 marzo, un mese dopo l’invasione, riescono a far saltare quell’ultimo ponte.

 

Chernihiv è tagliata fuori, ma continua a resistere. È su quella strada che in quei giorni trovano la morte Bogdan, 42 anni e due figlie, e Oleksiy. Volontari dell’associazione 100% Life, con la loro auto fanno la spola più volte tra Kyiv e la città sotto assedio per portare viveri e evacuare civili. La loro auto è colpita da un colpo di mortaio russo, quando sono quasi arrivati al ponte. Come loro, allora come oggi, in Ucraina migliaia di volontari civili portano aiuto ai loro concittadini, a rischio della loro vita. I primi giorni di aprile l’esercito ucraino riesce a forzare l’assedio russo e pochi giorni dopo i russi si ritirano da tutta la regione. Chernihiv è liberata, e la sua resistenza ha salvato Kyiv.

 

L’assedio russo alla città è costato la vita di almeno 700 civili, uccisi nei bombardamenti che non hanno risparmiato abitazioni, scuole, ospedali. Le infrastrutture essenziali della città sono state distrutte o danneggiate, così come tutta la zono industriale. Oggi, finiti i combattimenti, meno della metà degli evacuati è tornata nelle proprie case. Pesa ancora per molti la precarietà e l’incertezza del funzionamento dei servizi essenziali e delle condizioni di vita nell’inverno alle porte. Molti hanno perso il lavoro nelle fabbriche distrutte. E il confine con la Bielorussia e la Russia è sempre solo a pochi chilometri di distanza.

 

Ripercorriamo oggi la strada che, in ben altre condizioni, Bogdan e Oleksiy avevano percorso tante volte e su cui hanno trovato la morte. La giornata è cupa, il cielo gonfio di pioggia, i segni della guerra e della distruzione sono ancora evidenti. Grandi blocchi di cemento in mezzo all’autostrada obbligano le auto a pericolose gimcane ai posti di blocco, presidiati da soldati sospettosi. La grande arcata di acciaio del ponte fatto saltare dai russi è ancora deposta in mezzo al fiume e attorno ad essa e sui piloni vuoti si affannano sotto la pioggia decine di saldatori e operai con martelli pneumatici e enormi gru. Uno spettacolo drammatico. Passato il fiume con mezzi di fortuna, Chernihiv ci appare tranquilla, troppo tranquilla, con i suoi grandi viali ordinati, i ristoranti aperti, i parchi e i giardini ben curati, le cupole dorate delle sue chiese a testimoniare l’antico splendore.

 

Poi, all’improvviso, troviamo gli edifici distrutti dai bombardamenti, come l’albergo Ucraina in pieno centro, da una violenza che sembra andare a casaccio. Il silenzio quasi mistico di una città che non ha ripreso a vivere del tutto è interrotto dalla lugubre sirena dell’allarme aereo. La guerra non è finita, si è solo allontanata. E continua, anche qui, a spargere il suo minaccioso messaggio di terrore.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 28 settembre 2022
Telegiornale
28 Sep 2022 - ore 21:31
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 September - 11:14
I carabinieri sono intervenuti in un Comune della bassa Val di Non dove una ragazza, dal balcone di un appartamento, aveva attirato l'attenzione [...]
Ricerca e università
29 September - 09:37
Il commento della nuova comandante dell’Iss: “Grazie davvero all'Italia e a tutti gli italiani e le italiane che mi hanno sempre supportato e [...]
Cronaca
29 September - 10:24
Dall’inizio della settimana sono stati registrati diversi incidenti con gli ungulati sulle strade trentine, uno al giorno
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato